Privacy Policy

Officina della Gastronomia

Baba Ganoush

Se non sapete cosa sia e non l’avete mai assaggiato debbo dirvi che vi siete persi davvero una roba buona ‘mbelpò (dialetto marchigiano per dire “un sacco”). Il Baba Ganush o Muttabal (ma ha anche altri nomi oppure potete trovarlo scritto tutto unito babaganoush), come l’hummus, è un dip, una salsina d’accompagnamento diffusa nel Medio-Oriente a base di melanzana grigliata e tahini che viene servita come antipasto assieme a focacce e pane pitta. Ve la consiglio spalmata su un buon pane tiepido. Il sapore particolare del Baba Ganush mi ricorda un sacco la mia cara London (ma va?!?! strano eh? ;-) ) e di quando lo gustavo sulle bagels ancora calde comprate da Carmelli (bakery ebraico specializzato in bagels) a Golders Green.

Credo che in città come Roma o Milano il Baba Ganoush si possa acquistare nelle delicatessen più fornite, ma qui nelle Marche dubito si possa trovare perciò non mi resta che farmelo homemade.

INGREDIENTI
1 melanzana, intera, lavata e bucherellata con la forchetta (lasciate pure anche il picciolo)
1 cucchiaino di tahini
Succo di ½ limone
1 spicchio d’aglio (privato dell’anima)
2 o 3 cucchiai di olio e.v. d’oliva q.b.
Sale

PROCEDIMENTO
Mettere la melanzana punzecchiata sulla griglia del forno e cuocerla per circa 1 ora a 200°C (ventilato). Non va messa in teglia per evitare che si rammollisca, lasciandola sulla griglia del forno infatti si cuocerà uniformemente su tutti i lati.
Una volta che la pelle sarà nera e bruciacchiata (non spaventatevi!!), privarla della buccia e metterla nel frullatore con il resto degli ingredienti.
Si dovrà ottenre una salsa morbida e della consistenza di uno yogurt.
Aggiustare di sale e limone e servirla su un piattino fondo con un giro d’olio e, volendo, del prezzemolo tritato. Ottima anche accompagnata con verdure crude e grissini croccanti.

Enjoy!

Marti xx

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. New York Bagels | officinadellagastronomia.it - [...] e le migliori che ho mangiato sono quelle di Carmelli a Golders Green di cui già avevo parlato qui.…

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>