Privacy Policy

Officina della Gastronomia

Focaccia di Recco

IMG_5522Se non l’avete mai assaggiata vi siete persi una bontà che non è possibile descrivere… Il termine focaccia è fuorviante perchè, in realtà, il risultato è una “pizza” sottile e croccante e filante perciò non una focaccia nel senso tradizionale del termine (perciò non un pane).

Avevo già fatto questa ricetta in passato, seguendo la ricetta delle mie amate sorelle Simili però, guardando in TV EatParade – il servizio post TG2 – un servizio sul consorzio della focaccia di Recco ho deciso di rifarla seguendo passo passo la ricetta tradizionale che potrete trovare qui e posso dire che effettivamente viene ottima!!

Incredibilmente la ricetta è anche abbastanza veloce: ho iniziato ad impastare alle 1230 ed alle alle 1330 avevamo sul tavolo la focaccia pronta e fumante!

INGREDIENTI per 4 persone, come antipasto (circa 8 porzioni)
250 gr di Farina di grano tenero tipo “00” di forza o in alternativa farina tipo “Manitoba” (io 200gr di Manitoba Lo Conte e 50gr di farina 00 Gran Mugnaio Blu)
25 gr di olio extra vergine d’oliva italiano
125 ml circa di acqua
1 cucchiano di sale fino (circa 5 gr)
250gr di crescenza

 

PROCEDIMENTO
Sul piano di lavoro, disponete la farina a fontana e lavoratela assieme all’acqua, all’olio extravergine di oliva italiano e sale sino ad ottenere un impasto morbido e liscio.

Lasciate riposare la palla di pasta ottenuta per almeno 30 minuti a temperatura ambiente, coperta da un telo o da un foglio di pellicola.

Dividete l’impasto in 2, prendetene una parte e stendetela usando le mani (non il mattarello!) allargando la pasta con movimenti rotatori, posizionando le mani sotto alla sfoglia, fino ad avere uno spessore di circa 1mm (avete letto bene, un millimetro e NON un centimetro!! la pasta deve essere così sottile da vedere quasi il fondo della teglia!). Abbiate cura di non fare dei fori sulla superficie sennò sarà difficile farli chiudere!

Adagiate la sfoglia ottenuta nella teglia di cottura, precedentemente unta per bene con olio extravergine di oliva (io solitamente inizio allargando la pasta con le mani e faccio gli ultimi “assottigliamenti” dopo averla stesa nella teglia, per arrivare bene ai bordi). Distribuite la crescenza in pezzi grossi come una noce sopra la sfoglia, così da coprire in maniera omogenea tutta la superficie. Lavorate la seconda metà di impasto come avete già fatto per il primo, avendo cura di farlo anche più sottile perchè dovrà risultare quasi trasparente! Quindi mettetelo a copertura della base + formaggio.
Saldate i bordi schiacciandoli bene per impedire l’uscita del formaggio in cottura (che si brucerrebbe causando puzza terribile in cucina…sperimentato!).
Eliminate eventualmente i pezzi d’impasto in più con una rotella per pizza (dopo aver fatto un ulteriore riposto potrete rimpastarli nuovamente… non si butta niente!). Con le dita pizzicate in più punti la sfoglia superiore per formare dei fori (qui, invece, i fori sono voluti così come è voluta la fuoriuscita del formaggio che andrà a creare un “mare filante” nella superficie della focaccia…una goduria unica).

Usando un pennello, ungete la superficie della focaccia con un filo d’olio extra vergine e spolverizzatela con poco sale fino.

La cottura sarà fondamentale per la buona riuscita della vostra focaccia:  forno caldissimo (io ventilato a 250°C) e per 7-8 minuti o fino a quando la superficie non avrà assunto un colore dorato, con bolle e striature marroni.

Servitela rigorosamente calda (anche se è buona anche tiepida e pure fredda!).

IMG_5523

IMG_5522

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>