Privacy Policy

Officina della Gastronomia

Maritozzi Marchigiani

Chi legge le mie ricette ormai saprà della mia passione sfrenata per il mondo dei lievitati.

Ho provato a fare i tipici Maritozzi Marchigiani – da non confondere con quelli che si mangiano a Roma ripieni di panna – varie volte ma il risultato non era mai soddisfacente… troppo duri o poco profumati o con un forte sapore di lievito. 

Invece questa ricetta (presa dal sito Fatto in Casa da Benedetta e lievemente modificata), è una bomba e mi ha permesso di sfornare degli ottimi Maritozzi, soffici, profumati e deliziosi! 

INGREDIENTI per 8 maritozzi medi
LIEVITINO:
8gr lievito di birra
25gr latte tiepido
15gr di zucchero
15gr farina

IMPASTO:
100gr latte tiepido
50gr di zucchero
1 uovo
60gr olio di semi
325gr di farina (metà Manitoba e metà 00)
80gr uva sultanina
1 cucchiaino vaniglia in pasta (o 1 bustina vanillina)
Buccia grattugiata di limone

GLASSA:
1/2 albume
Zucchero semolato q.b.
Qualche goccia di succo di limone

PROCEDIMENTO
In una ciotola sbricioliamo il lievito di birra nel latte tiepido; aggiungiamo zucchero e farina, mescolando fino a che il lievito si è sciolto completamente. Copriamo con pellicola e lasciamo riposare per 30 minuti.

Passati i 30 minuti mettiamo nella ciotola della planetaria l’uovo, lo zucchero, la scorza di limone, la vaniglia, l’olio, il lievitino e il latte tiepido.
Mescoliamo per bene e cominciamo ad aggiungere la farina poco per volta montando il gancio all’impastatrice. Facciamo andare per una decina di minuti aggiungendo poca farina se serve. Uniamo anche l’uvetta.

Quindi passiamo sul piano di lavoro leggermente infarinato ed impastiamo per qualche minuto. Formiamo una palla richiudendo i lembi di pasta al centro. Capovolgiamo, arrotondiamo con le mani e mettiamo a lievitare in una ciotola infarinata coprendo con pellicola, fino al raddoppio (2 ore circa).

Ungiamoci le mani con un po’ d’olio e riprendiamo l’impasto, lavorandolo sul piano di lavoro ancora per qualche minuto.
Prendiamo dei pezzi di impasto e con le mani diamogli una forma di panetti allungati con le estremità più sottili.

Disponiamoli man mano su una teglia rivestita di carta forno. I maritozzi vanno messi a max 2cm di distanza l’un l’altro perché così in cottura si attaccheranno (questa è una particolarità marchigiana!).

Copriamo la teglia con pellicola e lasciamo lievitare per altri 30 minuti. Spennelliamo con poco latte e cuociamo in forno statico pre-riscaldato a 180 per 25-30 minuti circa.

Intanto prepariamo la glassa mescolando in una tazza l’albume leggermente sbattuto, poche gocce di succo di limone e zucchero sufficiente ad avere una glassa consistente che non coli.

Appena sfornati, i maritozzi vanno subito spennellati con la glassa e rimessi nel forno spento ma caldo per qualche minuto, fino a che la glassa non si sarà indurita.

Se la glassa non vi piace omettetela, ma appena cotti, spennellate i maritozzi con un po’ d’acqua così resteranno più morbidi.
Spolverate con zucchero a velo prima di servirli.

Please follow and like us:

Buono come il pane… di Luigi!

Sono gasatissima in questo periodo perchè ho concluso da poco un corso di panificazione e pasticceria con Luigi Sopranzetti, un famoso fornaio e pasticcere di Osimo, un paesino vicino dove abito io, che opera da una vita e che è una persona straordinaria, sia dal punto di vista professionale che da quello umano. Insomma è stato un corso che mi ha arricchito sia “professionalmente” perchè ho imparato tanti trucchi del mestiere ed ho fugato molti dubbi che avevo sulla panificazione, sia perchè ho conosciuto persone straordinarie con le quali mi auguro di rimanere in contatto!IMG_7783

Il corso prevedeva circa  8 ricette e tecniche di impasto (tra cui pasta sfoglia,

pasta frolla, pane comune, pane con riporto, pane a lievitazione naturale, pizza da forno e maritozzi), ma con quel vulcano di Luigi in realtà ne abbiamo fatti e studiati credo più del doppio!

IMG_7785Non vi dico la felicità di mio figlio e mio marito quando la sera riportavo a casa qualche frutto del nostro lavoro…. pure joy!

Perciò, questo post vuole essere un avvertimento perchè nel prossimo futuro prevedo una sfilza di ricette legate al mondo dei lievitati….you have been warned! Uomo avvisato..mezzo salvato!

 

Il maestro con la nostra produzione finale di pani, pizze, grissini, sfogliatelle, dolcetti, maritozzi... e chi più ne ha più ne metta!

Il maestro con la nostra produzione finale di pani, pizze, grissini, sfogliatelle, dolcetti, maritozzi… e chi più ne ha più ne metta!

Please follow and like us:

Cronaca di una giornata speciale…

* Other Stuff | 11/03/2013 | By

foto-3…O dovrei forse scrivere cronaca di una giornata indimenticabile!

Non avevo mai partecipato ad un programma TV perciò potrete facilmente immaginare il misto di sorpresa/gioia/fifa/stomaco chiuso etc che ho avuto quando, qualche settimana fa, ho letto la mail di Sara della redazione di Questo L’Ho Fatto Io il programma presentato da Francesca Barberini e che va in onda sul canale 411 di Sky – il canale del Gambero Rosso (avevo mandato la mia richiesta di partecipazione a maggio 2012 perciò mi ero anche dimenticata dell’application form che avevo fatto!!). 

In poche parole, per una come me, amante della cucina e del cibo in generale, un sogno che si avvera!

Dopo qualche scambio di mail con la paziente e sempre disponibilissima Sara, abbiamo optato per una ricetta che vi avevo già proposto e che troverete qui ovvero il Cheesecake croccante di fragole (servito nel bicchiere). Io ho dovuto soltanto mandare la mia ricetta e la redazione ha pensato a farmi trovare tutto pronto.

trucco e parrucco

trucco e parrucco

Mio marito si è offerto (!) di accompagnarmi e lo ringrazio visto che sò che guardarmi cucinare non è che sia la sua massima aspirazione! (però alla fine si è divertito anche lui :-) ).

Siamo arrivati a Roma agli studi del Gambero Rosso Channel (presso la Città del Gusto) un po’ in anticipo rispetto alla mia “convocazione” per le 12.00. Mi ha accolto Sara, sorridente e gentile come già mi era sembrata via mail e al telefono. Mi hanno truccato e debbo dire che per un attimo mi sono davvero sentita una star :-)

Poi è arrivato il camera-men Bruno che mi ha fatto delle riprese per il “backstage”. Con la chef Sara (è la chef della cucina che si trova dietro le quinte) ho rivisto la lista degli ingredienti e verificato la “mise-en-place” che richiedeva la mia ricetta. Quindi ci hanno fatto accomodare nello studio per guardare la puntata che registravano prima della mia.

foto-8

con Bruna, l’assistente di studio

Che emozione entrare in quello studio! Hanno cambiato la scenografia rispetto all’anno scorso, ma la cucina è sempre quella. E che bello conoscere Max Mariola e Francesca Barberini, lo “chef giudice” e la presentatrice: entrambi sono proprio come si vede in TV, aperti, gentili e disponibili!!

Finita la puntata precedente alla mia con Bruna, l’assistente di studio abbiamo ripassato le procedure della ricetta per identificare eventuali attrezzature mancanti.

foto-10

all’opera con Francesca Barberini

Poi è arrivata Francesca e abbiamo iniziato a girare… mi ha fatto subito sentire a mio agio perciò, a dire il vero, non mi sono mai agitata (o non troppo

 

perlomeno ;-) ).

Lei mi ha aiutato nei vari passaggi, spezzando le fragole, mescolando la crema di cheesecake e riempendo i bicchierini… ha anche fatto l’assaggio ed ha finito di ripulire la ciotola con la cremina di formaggio che era rimasta!

 

il fatidico momento dell'assaggio

il fatidico momento dell’assaggio

Quindi è arrivato il tanto temuto momento dell’assaggio… aiutooooo, che dirà lo Chef Mariola?? (ecco uno stralcio dei pensieri che mi sono passati per la mente finchè lo Chef portava il primo cucchiaino alla bocca: gli piacerà il Cheesecake? Peccato che non c’è stato tempo per rimetterlo in frigo a freddare! E poi, uffa, avrei pure potuto farlo a casa e portargliene un’altro da assaggiare perché tra l’altro, il cheesecake raggiunge il suo miglior sapore il giorno dopo averlo fatto, mannaggia!). Ma sia Francesca che Max sembrano gradire molto… e mi stampano un bel 9!!! Che emozione!!!

Lo Chef Mariola ha detto che sono stata molto brava (e qui ero in totale brodo di giuggiole perciò neanche ricordo bene tutto ciò che ha detto :-) ).

Poi abbiamo concluso con la consegna del diploma e la foto di rito!

Ho passato davvero una favolosa giornata e vorrei ringraziare Gambero Rosso Channel, la redazione con Sara in particolare, gli assistenti di studio Bruna e Mirco, gli operatori di ripresa, il regista, e soprattutto Francesca e Max per avermi fatto un grandissimo regalo!!

 

 

eccomi con Francesca Barberini e lo Chef Max Mariola ed il mio bel diplomino

eccomi con Francesca Barberini e lo Chef Max Mariola ed il mio bel diplomino

 

diploma

il mio diploma!!

 

 

Please follow and like us:

Enjoy this blog? Please spread the word :)