Vellutata di Fave

Stamattina mio marito ha comprato un sacco di fave fresche e dopo averne mangiate un bel po’ crude in cazzimperio (no, non è una parolaccia non pensate male!! Il cazzimperio non è nient’altro che il pinzimonio!) ho pensato di utilizzare quelle avanzate per farci una bella vellutata. D’altronde non è ancora caldissimo e la sera una bella zuppa calda vi dirò che non mi dispiace affatto, soprattutto se accompagnata con un buon pane fresco e profumato.

Questa vellutata, in particolare, è arricchita con la patata e un po’ di cream cheese che secondo me si sposa ottimamente con l’amarognolo della fava: ne arrotonda il gusto e le dà un tocco magico…

INGREDIENTI per 2 persone
Circa 500gr di fave (peso con la buccia)
2 patate medie
Brodo vegetale q.b.
1 cucchiaio abbondante di Philadelphia
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
1/2 bicchiere di latte
15gr di burro
1 cucchiaio di olio e.v. d’oliva
1 scalogno tritato
Sale e pepe

PROCEDIMENTO
Sbucciare le fave e metterle in una ciotola d’acqua fredda.
Sbucciare le patate e tagliarle a tocchetti.
Mettere una pentola sul fuoco con burro, olio e scalogno e far andare fino a che quest’ultimo sarà diventato lucido, poi unire le patate a tocchetti e le fave e far insaporire per qualche minuto prima di aggiungere il brodo sufficiente a coprire.
Far cuocere a fuoco basso e pentola coperta per circa 30-40 minuti.
Unire ½ bicchiere di latte tiepido, e col minipimer frullare la zuppa per ottenere un composto vellutato.
Aggiustare di sale e pepe, unire il parmigiano e la Philadelphia, mescolare bene e servire subito in ciotole calde decorando con un giro d’olio.

Buon appetito!

Marti xx

Please follow and like us:

2 comments

  1. agnese says:

    Ho appena scoperto questo blog! molto ben fatto e curato e con ricette semplici ma interessanti! complimenti! …e stasera mi faccio la velutata di fave… ;-)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.